venerdì 4 gennaio 2013

CONTO TERMICO=DECRETO MINISTERIALE 28/12/2012


Il 02/01/2013 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D28/12/2012 ovvero il Conto termico

Questo disciplina l’incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili realizzati dall'entrata in vigore del decreto stesso cioè dal 03/01/2013.

ECCO I LINK AL DECRETO COSì COME PUBBLICATO:
Testo Decreto 28/12/2012


In sunto per quel che riguarda i privati chi installerà nuovi impianti per la produzione di calore rinnovabili ed efficienti riceverà un incentivo che coprirà mediamente il 40% delle spese e che verrà erogato in 2/5 anni.

Per le pubbliche amministrazioni invece questo è l'occasione per raggiungere gli obbiettivi che ci impone l'Europa per l'efficientamento degli edifici pubblici sia dal punto di vista dell'involucro che da quello degli impianti.


BENEFICIARI E TIPI DI INTERVENTI:

Il decreto prevede interventi incentivabili diversi a seconda che il beneficiario sia un privato o una Pubblica Amministrazione. In particolare il nuovo sistema di incentivi è rivolto a:

A) Persone fisiche, Condomini e Imprese per interventi di piccole dimensioni su impianti di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di sistemi ad alta efficienza quali:
  1. sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con nuovi impianti utilizzanti pompe di calore elettriche o a gas, anche geotermiche
  2. sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di riscaldamento delle serre esistenti con nuovi impianti dotati di generatore di calore alimentato a biomassa 
  3. installazione di collettori solari termici anche abbinati a sistemi di solar cooling
  4. sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore
B) Amministrazioni Pubbliche per:
  • realizzazione degli impianti di produzione di energia termica da fonti rinnovabili di cui alle suddette lettere 1,2,3 e 4. 
  • interventi di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici quali:isolamento termico dell’involucro edilizio,  sostituzione di finestre comprensive di infissi, sostituzione di caldaie con caldaie a condensazione, installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento.




TEMPI DI EROGAZIONE DEGLI INCENTIVI:

Questo è un punto molto importante del Decreto perché differenzia notevolmente questi aiuti dalle detrazione fiscali, infatti questi in quanto incentivi non saranno detrazioni dal reddito ma veri e propri soldi che vi verranno restituiti a fronte delle vostre spese e in più questo avverrà in tempi sostanzialmente brevi, come si può vedere dalla Tabella A del Decreto stesso.





CALCOLO DEGLI INCENTIVI:



Per quel che riguarda gli impianti il calcolo dell'incentivo sarà basato, come ben specificato nel testo del Decreto,sui rendimenti e le potenze degli impianti installati ed in particolare su quanto è stato efficace e efficiente l'intervento considerando nel calcolo quanto si è dovuto spendere in rapporto a quanto miglioramento termico si è ottenuto. Si consiglia a questo proposito di leggere il testo e far fare i calcoli ad un tecnico specializzato.

PROCEDURA PER OTTENERE GLI INCENTIVI:


Per tutti la domanda di incentivo va compilata su modulo pubblicato sul portale del GSE DOPO L'ESECUZIONE DEI LAVORI. Questa è una procedura simile a quella incentivante il fotovoltaico che tutela molto il GSE  e molto poco chi richiede l'incentivo perché si trova a fare la domanda a lavori già avvenuti e "soldi già usciti" non essendo sicuro della risposta; tuttavia con il fotovoltaico, a parte qualche problema di  qualcuno che è finito nel conto energia successivo perché non ha fatto in tempo a terminare la procedura, non si sono verificati casi di diniego.


In sostanza la procedura implica di:



  1. Trovare un tecnico che valuti la situazione attuale e gli interventi da fare poi calcoli quanta spesa ci sarà e quanta sarà coperta da incentivo.
  2. Fare i lavori con aziende serie e qualificate che possano fornire materiale certificato 
  3. Concludere i lavori e tenere le certificazioni energetiche(prima e post intervento), i certificati dei materiali, le fatture e i corrispondenti bonifici etc...
  4. Compilare e consegnare la domanda al GSE
  5. Aspettare la prima risposta e il contratto da firmare e restituire
  6. Aspettare che il contratto venga sottoscritto anche dal GSE. Il contratto indicherà esattamente quanti soldi e in che tempi verranno a voi restituiti
N.B: 
  • La domanda va presentata entro 60 giorni dalla data di effettuazione dell’intervento o di ultimazione dei lavori, ovvero entro i sessanta giorni successivi alla data in cui è resa disponibile sul portare del GSE la scheda-domanda, pena la non ammissibilità ai medesimi incentivi.
  • La scheda domanda e i contenuti tecnici riguardanti questo decreto verranno pubblicati sul sito del GSE entro 60 giorni dall'entrata in vigore di questo Decreto cioè entro 60 giorni dal 03/01/2013.
In conclusione entro i primi di Marzo ci sarà la possibilità di presentare domanda e da lì avremo tempo fino a inizio Maggio per farlo.
Conviene attivarsi presto per arrivare a Marzo pronti a iniziare i lavori e impostare in fretta tutti i documenti da consegnare.

CERTIFICAZIONE E SPESE TECNICHE:

Secondo l'Art.15 del Decreto le richieste di incentivo dovranno essere corredate da diagnosi o certificazione energetica prima dell'intervento e certificazione energetica post lavori.

LE SPESE SOSTENUTE PER DIAGNOSI E CERTIFICAZIONE ENERGETICA SONO INCENTIVATE PER I PRIVATI AL 50%.



Nessun commento:

Posta un commento